Riflessioni

Perche’ riflettere?

L’umanita’ cresce in maniera esponenziale e le persone ed i loro governanti spesso affrontano i problemi che incontrano in maniera viscerale e senza riflettere sulle conseguenze del loro comportamento e delle loro azioni-

Ho pensato interessante far seguire questo documento scritto da Rodney Richards tratto da www.BahaiTeachings.org

Rodney è uno scrittore tecnico di professione, avendo servito il governo dello stato del New Jersey per 39 anni. Andato in pensione nel 2009, Rod ha trasformato le sue capacità di scrittura in prosa e poesia e nel 2012 ha pubblicato il suo libro di memorie Episodes sulla convivenza con la malattia bipolare. Più recentemente ha pubblicato Solving the World’s Titanic Struggles, un compendio di 100 brevi saggi usati da BahaiTeachings.org. Lui e la moglie di 46 anni, Janet, sono genitori e nonni orgogliosi e rimangono attivi nella comunità in cui vivono.

Sfruttare l’incredibile potere della riflessione umana

RODNEY RICHARDS | 29 AGOSTO 2018

Meg Wheatley, la specialista del comportamento organizzativo, ha dichiarato: “Senza riflettere, procediamo alla cieca, creando conseguenze più indesiderate e non riuscendo a ottenere nulla di utile“.

Considera questo, allora: quando è stata l’ultima volta che ti sei impegnato in una riflessione seria?

Da tempo immemorabile i saggi e monaci, guru e profeti hanno trascorso del tempo in riflessione e contemplazione. Contemplavano la natura, Dio, la vita e lo scopo di tutte le cose, compreso se stessi. Noi esseri umani abbiamo una capacità innata di essere in grado di riflettere, di concentrare le nostre menti per svelare domande difficili, risolvere enigmi ed enigmi, per prendere decisioni e, infine, per agire:

si può arrestare e sospendere [l’azione di] ogni facoltà eccetto il pensiero e la riflessione; perché un uomo non può trattenersi neppure di sua spontanea volontà dalla riflessione o dal pensiero, né trattenere le sue meditazioni e le sue immaginazioni. – Abdu’l-Baha , A Traveler’s Narrative, p. 40 .

Senza il potere della riflessione l’umanità sarebbe come bambini smarriti, senza guida e direzione, lasciati alle loro concezioni immature e non completamente formate, inesperti e che vivono nello scompiglio e nel caos.

Allora su cosa dovremmo riflettere? Contempliamo tutti la nostra esistenza, chiedendoci dove stiamo andando, cosa stiamo facendo qui, come diventeremo. Queste sono domande aperte, senza una risposta unica per tutti noi, ma allo stesso tempo ci sforziamo di adattarci, di fare la nostra parte, di trovare la nostra nicchia nella vita e nell’amore.

Senza il potere di riflessione saremmo come barche sul mare agitato dalla tempesta, che si muovono volenti o nolenti attraverso gli eventi della vita, senza seguire un unico percorso verso la riva. Molti di noi navigano nelle nostre vite in quel modo, lasciando che le correnti ci trovino e ci portino dove vogliono. Altri sono sicuri del percorso che hanno scelto, ma molti rimangono persi in mare, senza una guida che lo aiuti.

Gli insegnamenti bahá’í incoraggiano ogni essere umano a usare i propri poteri interiori di riflessione e meditazione per scoprire lo scopo della vita:

Questa facoltà fa emergere dal piano invisibile le scienze e le arti. Attraverso la facoltà meditativa si rendono possibili invenzioni, si realizzano imprese colossali; attraverso di essa i governi possono funzionare senza problemi. Attraverso questa facoltà l’uomo entra nel regno stesso di Dio.

Tuttavia alcuni pensieri sono inutili all’uomo; sono come le onde che si muovono nel mare senza risultato. Ma se la facoltà di meditazione è immersa nella luce interiore e caratterizzata da attributi divini, i risultati saranno confermati.

La facoltà meditativa è simile allo specchio; se lo metti prima degli oggetti terreni, li rifletterà.  Quindi se lo spirito dell’uomo contempla i soggetti terreni, ne sarà informato.

Ma se rivolgi lo specchio del tuo spirito al cielo, le costellazioni celesti ei raggi del Sole della Realtà si rifletteranno nei tuoi cuori e le virtù del Regno saranno ottenute.- Abdu’l-Baha, Paris Talks, pp. 175-176.

Bahá’u’lláh ha detto che l’esame degli oggetti terreni e della natura delle cose produce tutte le arti e le scienze:

La fonte dei mestieri, delle scienze e delle arti è il potere della riflessione. Fate ogni sforzo affinché da questa miniera ideale possano brillare perle di saggezza e di espressione tali da promuovere il benessere e l’armonia di tutte le tribù della terra.Baha’u’lláh , Tavole di Baha’u’lláh, p. 72 .

Ma a parte le cose terrene, che possono fuorviarci o portare a grandi invenzioni e scoperte, la riflessione sulle cose dello spirito produce sempre risultati. Contemplare il nostro spirito e mantenere il nostro potere di meditazione e riflessione giustamente diretto sfida tutti. Le interruzioni e le distrazioni costanti abbondano. Quante volte desideriamo cinque minuti di pace, silenzio, in modo da poter ascoltare i nostri pensieri, il nostro cuore, persino la voce di Dio che ci parla con sicurezza.

Tuttavia, se le nostre vite si concentrano sul riconoscimento della volontà di Dio, aiuteremo la minuscola barca a navigare nel mare mosso dal vento e trovare la strada per porti sicuri.

Abdu’l-Baha , in una lettera allo scienziato e psichiatra svizzero Dr. Auguste Forel, ha offerto la sua riflessione sul posto che Dio dovrebbe avere nella nostra vita:

… riflettendo, osserviamo che l’uomo è come un minuscolo organismo contenuto in un frutto; questo frutto si è sviluppato dal fiore, il fiore è cresciuto dall’albero, l’albero è sostenuto dalla linfa e la linfa formata dalla terra e dall’acqua. Come può allora questo minuscolo organismo comprendere la natura del giardino, concepire il giardiniere e comprendere il suo essere? Ciò è chiaramente impossibile. Se quell’organismo comprendesse e riflettesse, osserverebbe che questo giardino, questo albero, questo fiore, questo frutto non sarebbero mai esistiti da soli in tale ordine e perfezione. Allo stesso modo l’anima saggia e riflessiva saprà con certezza che questo universo infinito con tutta la sua grandezza e il suo ordine perfetto non avrebbe potuto esistere da solo. – Abdu’l-Baha, Baha’i World Faith – Selected Writings of Bahá’u’lláh and ‘Abdu’l-Bahá, p. 343.

Il tempo scorre inesorabilmente, così come il sole e la luna attraversano il cielo giorno dopo giorno, notte dopo notte. Prima che ce ne rendiamo conto, si verifica una nuova alba, ne segue un nuovo tramonto e cosa abbiamo realizzato?

La meditazione e la riflessione ci aiutano a rispondere a queste importanti domande interiori e ci aiutano a indirizzarci verso nuove domande. Potremmo chiedercelo nei momenti di riflessione e trovarci appagati o mancanti. In tal modo possiamo giurare di fare meglio. Meglio ancora, possiamo scrivere i nostri obiettivi ed esprimerli agli altri, il che crea consapevolmente un percorso per il processo decisionale e l’azione.Il potere d’azione a sua volta porta al cambiamento e alla crescita, proprio come il minuscolo seme che diventa una potente quercia.

I GIOVANI E LO SPORT

Nei giovani, lo sport assume un’importanza rilevante nella formazione, trasmettendo valori di grande rilievo, quali la lealtà, il rispetto e l’amicizia, una vera e propria agenzia educativa facendo loro apprezzare ogni momento, dal quale si può imparare sempre qualcosa.

002 B -Maria Grazia Robiati – La musica africana

La musica africana ha affascinato il mondo. Il suo ritmo tocca profondamente l’uomo e lo anima, lo accosta ad altre persone abolendo ogni forma di pregiudizio e creando unità. Manu Dibango, grande esponente della musica, che ha dichiarato: “La musica africana è nell'immagine stessa dell’Africa”.

004 – Amicizia

Mette in evidenza l’importanza dell’amicizia fra le persone, fra le famiglie, fra i gruppi, fra le nazioni , fra tutte le genti del mondo senza discriminazione di colore, di genere, di età.